Che cos’è la pressione arteriosa?

Alex Silva (/)

È un tipo di gioco push-pull tra il sangue e le arterie. Il liquido rosso deve raggiungere ogni parte del corpo. Per questo, il cuore arriva a pompa. Così, per continuare la circolazione, è necessario che egli deve esercitare una pressione sulla parete interna delle arterie. Succede che le navi offrono una certa resistenza a questo passaggio. È questo il gioco che determina la pressione. Quando tutto funziona bene, sembra un idraulico perfetto, e ogni cellula riceve la sua intera quota di ossigeno e di sostanze nutritive.

Leggi anche: Quando la pressione è considerato alto?

Questo tour di circa 5 litri di sangue che circola attraverso il corpo dipende anche i reni, il cervello e ormoni. La sala di comando, è la materia grigia. Immaginate che la centrale si divide in due parti: il sistema nervoso simpatico e parasimpatico. Il primo dà un battito cardiaco accelerato. Se siamo sdraiati e svegliarsi la mattina, per esempio, il normale sarebbe la forza di gravità per abbattere la pressione. C’, non saremmo in grado di fermarsi in piedi. Questo non accade perché il sistema simpatico dà un ordine, alle ghiandole surrenali, sulla parte superiore dei reni: devono produrre gli ormoni che causano la contrazione delle arterie. In questo modo, il sangue è diretto ad aree importanti, come il cervello, e siamo stati in grado di mantenere l’equilibrio.

Già il parasimpatico fa l’operazione opposta. Egli invia, tra le altre cose, per rallentare il ritmo di un battito cardiaco e rilassare le arterie. Capito che si saldi il lavoro agli altri? Il simpatico invia le arterie comprimirem; il parasimpatico chiede loro di dilatarsi. In linea di principio, si capiscono a vicenda, e la pressione resta regolata.

Leggi anche: Pressione sanguigna: che numero è più pericoloso?