Il nuovo rimedio per il cancro del polmone, arriva in Brasile

André Moscatelli (/)

L’Agenzia Nazionale di Sorveglianza Sanitaria (Anvisa) ha appena pubblicato il crizotinibe, il farmaco di Pfizer analoghi, per i casi di cancro del polmone non a piccole cellule in avanti-mutazione del gene ALK. A differenza di altri tumori che colpiscono gli organi della respirazione, questo tipo spesso raggiungere i giovani, che non hanno l’abitudine di fumare.

Il farmaco, somministrato per via tablet, inibisce un enzima prodotto dalla mutazione di due geni: ALK e EML4. La modifica in questi trechinhos del DNA favorisce la moltiplicazione delle unità di tumore. Il crizotinibe disturba questo processo e rende il lavoro delle cellule maligne, che stabilizzare o addirittura regredire la malattia.

Negli studi condotti prima del rilascio del farmaco, la sopravvivenza dei pazienti che hanno assunto il farmaco è stato di 7,7 mesi, rispetto a 3 mesi nel gruppo che ha utilizzato la tradizionale chemioterapia. Risultati così incoraggianti di approvazione accelerata del farmaco negli Stati Uniti nel 2011.

il cancro del polmone è il tipo di tumore che la maggior parte delle uccisioni in tutto il mondo. Secondo le stime del National Cancer Institute, la condizione deve raggiungere i 28 mila nuovi casi e 24 mila morti in Brasile nel 2016. La novità della terapia, potranno beneficiare di una quota del 3% al 5% dei pazienti con il problema, che hanno questa particolare mutazione genetica.